Librimmaginari. Il segno inquieto

10/04/2017

di Marco Trulli, presidente Arci Viterbo

 

Nella provincia di Viterbo torna Librimmaginari, progetto di promozione della lettura e del libro illustrato di qualità nato nel 2010 a cura di Marco Trulli e Marcella Brancaforte. Nato come progetto trasversale che mette insieme didattica per bambini e formazione per adulti, Librimmaginari propone ogni anno laboratori, workshop, letture animate per poi concludersi con progetti espositivi personali e collettivi.

Il Festival propone una serie di attività che mettono insieme la formazione creativa e la promozione della lettura a livello trasversale. L’obiettivo principale di Librimmaginari è quello di sviluppare un piano di promozione della lettura che veda coinvolte le principali agenzie educative del territorio e che sia in grado di attivare nuovi lettori e nuovi operatori. Librimmaginari si muove su diversi piani: dalla promozione della lettura per bambini, fino a quella per gli adulti senza eccezioni, rafforzando le attività di promozione già presenti nel territorio (Biblioteca consorziale, scuole, università), fino alla formazione degli operatori per compiere un approfondimento a tutto tondo sui mestieri del libro e della lettura.

Per questa edizione, Librimmaginari si focalizza sul tema del bosco nella letteratura e sulle relazioni con il selvatico. A livello letterario il bosco è il luogo dello smarrimento e dell’ignoto, universo rovesciato, metafora dell’assenza di regole assimilabile allo stato ferino, luogo in cui si sviluppa una natura selvatica (partendo dalla Divina Commedia, fino alla foresta incantata dell’Orlando furioso o al mondo arboreo di Cosimo de Il barone rampante passando per moltissime fiabe della tradizione europea).

Partito a marzo con una serie di spettacoli per bambini nell’ambito del programma di Storie di domenica che si concluderà a fine mese, l’8 aprile si terrà l’incontro con il fumettista Paolo Bacilieri al circolo Cosmonauta, presentato da PucaRojasBeccaglia. Il libro conclude il dittico sulla storia del cruciverba iniziata con Fun. L’autore narra la vicenda della nascita e della diffusione delle ‘parole incrociate’ attraverso cui trapela parte della storia del secolo scorso. Un libro che fra aderenza al dato storico e immaginazione propone un impianto narrativo d’avanguardia. Inoltre, in collaborazione con alcune scuole di Viterbo e con la Casa circondariale, il Festival ha invitato tre illustratori a realizzare altrettanti laboratori partecipati. Giovanna Ranaldi e Camilla Falsini nelle scuole e Resli Tale presso la Casa circondariale, realizzeranno un murales sui temi del bosco lasciando così un segno tangibile del passaggio del progetto.

Librimmaginari è un progetto di promozione del libro illustrato e della lettura nato nel 2010 a cura di Marco Trulli e Marcella Brancaforte e realizzato da Arci Viterbo con il sostegno della Regione Lazio, L.r.16/2008 - Avviso pubblico Io Leggo.

Per informazioni:

ufficiostampaarciviterbo@gmail.com

www.arciviterbo.it/librimmaginari



Tags :

Lascia un Commento



(Il tuo indirizzo email non sarà visualizzato pubblicamente.)



image image image image image image image image image image image
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss