Image and video hosting by TinyPic
Home > Editoriale Arcireport

 


 


La libertà è una conquista

da difendere ogni giorno


 

di Andrea La Malfa, referente per la Presidenza sulla Memoria

 

Anche quest’anno l’Arci, insieme a tante associazioni e realtà, si occupa di far vivere il 25 aprile con iniziative che ne ricordano i valori di libertà e uguaglianza che hanno caratterizzato la Resistenza. Lo facciamo in vari modi, con incontri, convegni, musica e feste. La Liberazione è un ricordo che va anche festeggiato, con gioia, perché anche questo è stato: un momento dove la vitalità e la felicità si sono riappropriate dello spazio che la guerra e la repressione avevano loro tolto.

Non mancano nella nostra proposta culturale i momenti di riflessione.

Il progetto di democrazia e società delineato dalla Costituzione non si può dire pienamente attuato e incontra tuttora difficoltà e ostacoli.

 

La Costituzione può essere, ancora oggi, un attuale programma politico per chi è capace di vedere la visione che essa trasmette e renderla concreta nei problemi e nei meccanismi della nostra società.

Centrale oggi è dire ad esempio che nel mondo attraversato da conflitti ed evidenti tensioni tra gli Stati, «l’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali».

Importante spiegare che, nella spinta disarticolatoria della società, dell’associazionismo e della politica, sostenere «la sovranità appartiene al popolo» ha bisogno della proposizione collegata per cui tale sovranità il popolo «la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione». 


prima_ar_13.jpg

Essenziale è ribadire che nelle crescenti disuguaglianze economiche e nella diffusione della povertà sia «compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese».

Nella Costituzione, nei suoi principi e valori, nell’antifascismo e nella memoria della Resistenza, la politica e la società possono trovare un’etica rigenerata. Per fare ciò credo sia importante porsi il tema del rapporto istituzionale con questa storia, che rischia di deteriorarsi, e dunque di perdere una parte della sua forza, proprio oggi che questa andrebbe rinvigorita.

 

L’antifascismo non può essere inteso come il valore di una parte ma deve tornare ad essere un principio comune dell’intero arco costituzionale.

Un passaggio quanto mai rilevante per poter spiegare, soprattutto ai giovani, che l’antifascismo non è una cosa andata, parola di un trascorso passato, ma un vaccino che evita il ritorno delle condizioni sociali e politiche che ne hanno favorito l’affermarsi.

 

Culturalmente le associazioni possono fare molto, anche per ricucire le parti di questa nostra società, che rischiano di perdersi a partire dalle parole comuni. Gli eventi dell’Arci, che hanno in sé un grande valore nella trasversalità dei soggetti coinvolti, possiamo realizzarli anche grazie al contributo di volontarie e volontari. Loro ci offrono non solo il tempo e il lavoro, ma anche la passione e l’impegno, per portare avanti ancora i nostri valori.

Permettetemi di ringraziare le volontarie e i volontari che in questo 25 aprile lavoreranno alla buona riuscita delle iniziative culturali e politiche che mettiamo in campo. Grazie perché è questa la forza della nostra associazione, il suo forte radicamento e la generosità che ci fa essere un punto di riferimento per tutta la cittadinanza.


ArciReport numero 13, 20 aprile 2017


Arcireport numero 13_2017

 
Per leggere tutti gli Arcireport clicca qui
image image image image image image image image image image image
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss