Nei comuni del teramano colpiti dal terremoto la ‘Ri-Scossa’

13/07/2017



5 Festival,  34 band e 2 mesi di programmazione per ridare vita e anima alle comunità

 

19756367_457663177938360_8957520941961184119_n.jpgAll’indomani  del terremoto che un anno fa ha devastato il centro Italia, l’Arci si è immediatamente attivata per aiutare le popolazioni colpite, scegliendo di aiutarle nel modo che più è consono alla mission dell’associazione e cioè promuovendo attività culturali, per valorizzare le radici comunitarie di quei luoghi, per costruire socialità e aggregazione. E in quest’ultimo anno tantissimi comitati,  circoli e soci Arci si sono attivati organizzando cene di solidarietà, appuntamenti e spettacoli con lo scopo di devolvere il ricavato alla campagna  di raccolta fondi La cultura per la ricostruzione, promossa dall’Arci, e  ridare, attraverso la cultura, vita e anima alle comunità. E tanti sono stati gli eventi, gli spettacoli, i cineforum ad oggi realizzati e promossi dall’Arci nei comuni colpiti dal terremoto, come anche l’attività del Bibliobus che, nel suo viaggio tra Lazio, Abruzzo e Marche, ha donato migliaia di volumi e organizzato presentazioni di libri e iniziative, rivolte a bambini e adulti, per la promozione della lettura.

Proprio in questi giorni, con l’inizio della stagione culturale estiva, parte uno dei progetti più ambiziosi sostenuti dalla campagna La cultura per la ricostruzione: le rassegne musicali della Rete dei Festival Indipendenti Teramani.

La Rete, nata appena l’anno scorso, è un progetto finalizzato alla condivisione delle migliori esperienze e pratiche di festival della provincia di Teramo e, quest’anno, la sua realizzazione è stata messa in pericolo dallo sciame sismico e dalle copiose nevicate di gennaio che hanno colpito il territorio. Grazie anche ai contributi ricevuti dalla campagna di crowdfunding del network Arci sulla Piattaforma Produzioni dal Basso e al sostegno di  La cultura per la ricostruzione gli appuntamenti della Rete avranno luogo, rappresentando una vera e propria  Ri-Scossa in un territorio dove sono ancora molte le zone rosse impraticabili e i cittadini sgomberati che attendono tempi e risposte certe per rientrare nelle proprie abitazioni.

I festival estivi saranno un veicolo di comunicazione e di condivisione per ribadire che le città del teramano sono ‘territori di cultura resistente’ dove i circoli, le associazioni e le manifestazioni sono dei presidi fondamentali di partecipazione e di democrazia.

E quest’anno in appena 2 mesi i 5 Festival della Rete (il Playnot Festival di Notaresco, il Rock Corner Festival di Roseto degli Abruzzi, il Toxicity Rock Fest di Tossicia, lo Iame Festival di Colledara, l’IndieVisibile Festival di Torano Nuovo) ospiteranno un cartellone di 13 date con 34 gruppi coinvolti offrendo una proposta musicale policroma passando dal garage all’hip op, all’elettronica, all’indie grazie alla eterogeneità dei singoli festival. Tra i nomi coinvolti C.U.B.A. Cabbal, Mad Dogs, The Sick Rose, Tangram, A Minor Place, Normale, Cisco (Modena City Ramblers), O’ Zulù Live Set 99 POSSE, Nada & a Toys Orchestra, Dario Rossi, Management del Dolore Post Operatorio, Dub Fx.

Info e calendario di tutti gli appunti sulla pagina facebook della Rete all’indirizzo

@Rete dei Festival Indipendenti Teramani

 

ArciReport, 13 luglio 2017



Tags :

image image image image image image image image image image image
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss