Il Libro

12/10/2017

 

 

copertina_libro.jpgL’isola dei giusti. Lesbo, crocevia dell’umanità

di Daniele Biella | Paoline Editoriale Libri

 

Tra la primavera del 2015 e del 2016 sull’isola greca di Lesbo sono arrivate via mare dalla Turchia, su gommoni stipati all’inverosimile, 600mila persone, un numero più di sette volte superiore agli 80mila isolani.

Un viaggio di quattro miglia marine (poco più di sette chilometri), rischiando la vita dopo aver lasciato il loro Paese: Siria, Iraq, Afghanistan, Eritrea... Migranti, profughi, refugees che hanno sostato sull’isola, prima di riprendere il viaggio per il Nord Europa attraverso la rotta balcanica.

A dare loro un primo soccorso non c’erano le autorità ma normali cittadini, accorsi da tutto il mondo; per primi sono arrivati gli abitanti dell’isola: una nonna e un pescatore (candidati al premio Nobel per la pace 2015), la proprietaria di un albergo, una ristoratrice, una giovane mamma e regista, un prete, uno scultore. Sono loro i sette giusti raccontati sullo sfondo di un’isola che ha dentro di sé l’antidoto a razzismo e diffidenze, che colpiscono oggi una parte dell’Europa.

Il libro è stato presentato a Roma, il 3 ottobre, presso la Sala ISMA di piazza Capranica, in un incontro organizzato insieme alla Fondazione Nilde Iotti, presieduta da Livia Turco, e alla Commissione per la tutela e la promozione dei diritti umani presieduta dal senatore Manconi.

 

ArciReport, 12 ottobre 2017



Tags :

Lascia un Commento



(Il tuo indirizzo email non sarà visualizzato pubblicamente.)



image image image image image image image image image image image
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss