L’Europa fa accordi mortali con i dittatori per fermare i rifugiati

15/05/2018



Le politiche di esternalizzazione dei confini promosse dall’UE avvantaggiano l’industria della sicurezza ma provocano costi umani e di sviluppo altamente dannosi.

L'Unione Europea ha voltato le spalle ad un impegno incondizionato per i diritti umani, la democrazia, la libertà e la dignità umana espandendo negli ultimi anni in maniera problematica le proprie politiche di esternalizzazione delle frontiere. Lo sostiene un nuovo Rapporto elaborato dal Transnational Institute e Stop Wapenhandel (Campagna olandese contro il commercio di armi) e rilanciato in Italia dalla Rete Italiana per il Disarmo e dall’ARCI.  

La collaborazione dell'UE con i Paesi limitrofi per il controllo delle migrazioni ha raorzato i regimi autoritari, fornito un boom di profitti per le imprese della sicurezza e ai produttori di armamenti, distolto risorse dallo sviluppo e indebolito i diritti umani. Il Rapporto “Expanding the Fortress - Espandendo la Fortezza” esamina la rapida crescita degli accordi e delle misure di esternalizzazione delle frontiere iniziati nel 1992 ma che hanno sperimentato una forte accelerazione dal 2015. Questo punto specifico è diventato un obiettivo centrale della politica e delle relazioni esterne dell'UE, inglobando anche le politiche di aiuto e commercio.  Le misure adottate includono: formazione delle forze di sicurezza di Paesi terzi; donazioni di elicotteri, navi per pattugliamento e veicoli, apparecchiature di sorveglianza e monitoraggio; sviluppo di sistemi di controllo biometrico; accordi per l'accettazione delle persone deportate.

Il Rapporto esamina da vicino i 35 paesi cui l'UE attribuisce priorità negli sforzi di esternalizzazione delle frontiere e rileva che:

•  Il 48% (17) ha un governo autoritario e solo quattro possono essere considerati Stati democratici

•  Il 100% (35) pone rischi estremi o elevati per il rispetto dei diritti umani 

•  Il 51% (18) è classificato come "basso" negli indicatori di sviluppo umano 

Nonostante ciò, l'Unione Europea e i suoi Stati membri non solo hanno firmato accordi per legittimare i Governi di tali Paesi e chiuso un occhio su violazioni dei diritti umani, ma hanno inoltre fornito finanziamenti, formazione e sostegno materiale proprio agli organi di sicurezza statali più responsabili nella repressione e negli abusi dei diritti umani.

Il Rapporto esamina in modo approfondito  il modo in cui questa cooperazione si è sviluppata in Turchia,

Libia, Egitto, Sudan, Niger, Mauritania e Mali, con sostegno diretto dall'UE nel suo insieme ma anche da singoli Stati Membri, in particolare Francia, Italia, Spagna e Germania. Il risultato di queste scelte: regimi statali incoraggiati a reprimere la società civile in generale e una tendenza di aumento della violenza e repressione dei rifugiati. I rifugiati più vulnerabili sono stati costretti a cercare altre strade, spesso più pericolose, e adarsi a tracanti  sempre  più spregiudicati che  hanno portato  a  un numero ancora  maggiore  di vittime nel Mediterraneo e nei deserti dell'Africa settentrionale.

L'aumento dei finanziamenti per il controllo delle frontiere d’altro canto ha configurato un forte vantaggio per le imprese di armi e sicurezza che stanno investendo sempre più nelle tecnologie di sicurezza e di sorveglianza delle frontiere. Tra i principali vincitori dei contratti per la sicurezza delle frontiere figurano il gigante francese delle armi Thales e l'azienda europea Airbus, entrambi importanti esportatori di armi nella regione, i fornitori biometrici Veridos, OT Morpho e Gemalto, le imprese tedesche Hensoldt e Rheinmetall, le imprese italiane Leonardo e Intermarine e le società turche di difesa Aselsan e Otokar. Hanno aumentato i propri introiti anche un certo numero di società semi-pubbliche e organizzazioni internazionali come Civipol in Francia che forniscono consulenza, formazione e gestione dei progetti di sicurezza alle frontiere.

L’autore del Rapporto Mark Akkerman ha dichiarato: “Questa ricerca rivela una politica di interazione dell'UE con la regione a lei più vicina ormai quasi ossessionata dal controllo della migrazione, indipendentemente dai costi per il Paese o per i profughi forzati. Si tratta di un concetto di sicurezza limitato e fondamentalmente controproducente perché non aronta le cause profonde che spingono le persone a migrare e, rafforzando direttamente o indirettamente le forze militari e di sicurezza nella regione, rischia di esacerbare la repressione e alimentare  i  conflitti  che  porteranno  ad  ancora  più  rifugiati. È  ora  di  cambiare  rotta.  Piuttosto  che esternalizzare confini e muri, dovremmo portare al di fuori dei confini dell’Europa la vera solidarietà e il rispetto dei diritti umani".

SINTESI RAPPORTO

 

 



Tags :

Posted by Nicole Travolta on
Effective powerful love spell to get your Ex lover back urgently after breakup/divorce!.
Hi everyone,
I'm so excited. My ex-boyfriend is back after a breakup, I’m extremely happy that will are living together again.
My boyfriend of a 4yr just broke up with me and am 30 weeks pregnant. I have cried myself to sleep most of the nights and don’t seem to concentrate during lectures sometimes I stay awake almost all night thinking about him and start to cry all over again. Because of this I end up not having energy for my next day’s classes, my attendance has dropped and am always in uni and on time. Generally he is a very nice guy, he ended it because he said we were arguing a lot and not getting along. He is right we’ve been arguing during the pregnancy a lot .After the break up I kept ringing him and telling him I will change. I am in love with this guy and he is the best guy I have ever been with. I’m still hurt and in disbelief when he said he didn’t have any romantic feelings towards me anymore that hurt me faster than a lethal syringe. He texts me now and then mainly to check up on how am doing with the pregnancy, he is supportive with it but it’s not fair on me, him texting me as I just want to grieve the pain and not have any stress due to the pregnancy.
I was really upset and I needed help, so I searched for help online and I came across a website that suggested that Dr Ahmed can help solve marital problems, restore broken relationships and so on. So, I felt I should give him a try. I contacted him and he told me what to do and I did it then he did a spell for me. 17 hours later, my bf came to me and apologized for the wrongs he did and promise never to do it again. Ever since then, everything has returned back to normal. I and my bf are living together happily again...
All thanks to Dr Ahmed if you have any problem contact Dr Ahmed now and I guarantee you that he will help you. Here’s his contact.
Email him at: Ahmedutimate@gmail.com Call/what’s-app him: +2348160153829
Posted by credito.locali on
Non credevo più nel prestare denaro perché tutte le banche hanno rifiutato il mio file; in effetti sono stato bloccato dalla mia banca. Ma un giorno un amico mi ha consigliato un particolare prestatore che mi ha dato l'email. L'ho provato con lui inviandogli un'email e ha funzionato. Ho avuto la persona giusta un prestatore individuale onesto che stavo cercando da anni. Ho ottenuto il mio prestito che mi permette di vivere bene ora e pago regolarmente i miei pagamenti mensili. Puoi contattarlo se hai bisogno di un prestito per vari motivi personali. Anche due miei colleghi hanno ricevuto prestiti senza alcuna difficoltà.

Ecco la sua e-mail: credito.locali.veloce@gmail.com
Lascia un Commento



(Il tuo indirizzo email non sarà visualizzato pubblicamente.)



image image image image image image image image image image image
rss
rss
rss
rss
rss
rss