Piattaforma per Pace, Disarmo, Giustizia

La Rete della Pace presenta la Piattaforma per Pace, disarmo e giustizia in previsione della Perugia-Assisi. Documento all'inter…

I campi estivi sui terreni confiscati alle mafie

Siamo giunti all'ottava stagione dei campi nelle terre confiscate alle mafie, promossi dall'Arci con Spi, Flai, Cgil e Libera

Ancora raid a Gaza: la pace a la giustizia non si costruiscono con le armi

É sempre più evidente che le armi produrranno come unico risultato l'allontanamento   della pace, della giustizia e della sicurezza. Il numero dei civili uccisi a Gaza continua a crescere, ogni giorno contiamo il numero di bambini e bambine che perdono la vita . E i  cittadini di Israele sono sempre più insicuri. Ancor una volta a soffrire é la popolazione civile di Gaza e di Israele, stretta tra due estremismi che non sembrano più conoscere un linguaggio diverso dalla violenza.

Dall'1 al 5 ottobre a Lampedusa il Festival Sabir

Dal 1 al 5 ottobre, si terrà a Lampedusa Sabir, il Festival diffuso delle culture mediterranee, promosso da Arci, Comitato 3 ottobre e Comune di Lampedusa, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Rai. All'interno il comunicato stampa, il programma dell'iniziativa e lo spot promozionale del Festival prodotto e diretto da Ascanio Celestini

ArcinFestival: tornano i Festival estivi dell’Arci

Festival estivi targati Arci, si ricomincia! Tornano anche quest’anno le rassegne musicali promosse da circoli e comitati su tutto il territorio italiano: momenti di aggregazione, spazi per la buona musica ed eventi che cercano di continuare a far crescere curiosità e gusto del pubblico. All'interno un primo elenco

Alluvione nelle Marche: la Campagna 5000 circoli per 30 euro

Continua la campagna dell'Arci 5000 circoli per 30 euro: l'Arci ha attivato un conto corrente dedicato ove far confluire le donazioni. All'interno le coordinate bancarie e il video realizzato a sostegno della Campagna

Canali di ingresso umanitari e titolo di soggiorno europeo: per evitare altre morti e responsabilizzare tutti i governi dell'Unione Europea 

171150302-6850b94c-3c2f-4539-a993-85227902cd1e.jpgAncora morti. E ancora parole vuote, che non si traducono in azioni concrete per mettere definitivamente fine alle stragi. Sarebbero 250 le vittime del naufragio avvenuto in acque libiche nei giorni scorsi, almeno altre 24 se ne contano fra sabato e domenica nel canale di Sicilia. Intanto le frontiere restano chiuse, la legislazione italiana ed europea non cambia per  l’ostinazione di una politica miope e sorda alle richieste di adottare provvedimenti che salvaguardino la vita e i diritti dei migranti. Leggi il comunicato stampa dell'Arci.

Schermata_2014-03-12_a_17.11.05.png

A 25 anni dalla morte di Jerri Masslo, il razzismo non è ancora stato sconfitto 

jerri_masslo.jpgIl 25 agosto del 1989 moriva nelle campagne di Villa Literno Jerry Essan Masslo, rifugiato sud africano che lavorava come bracciante nella raccolta di pomodoro. La reazione della società civile dopo quel vile omicidio rappresentò l’atto di nascita del movimento antirazzista italiano. Il 7 ottobre del 1989 a Roma ci fu la prima grande manifestazione antirazzista, con centinaia di migliaia di persone in piazza, e tra queste per la prima volta, anche molti migranti. Leggi il testo completo della dichiarazione di Filippo Miraglia, vicepresidente nazionale Arci

Schermata_2014-03-12_a_17.11.05.pngPresentato il DDL di riforma del Terzo settore: il Governo ha mantenuto la promessa di tempi celeri. Ora ci auguriamo che il Parlamento operi presto e bene per i necessari miglioramenti del testo
terzo_settore_giornale_prociv.jpg“Erano anni che tutto il Terzo settore aspettava la riforma della legislazione“ - ha dichiarato Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci.  “Al Governo va il nostro apprezzamento per essere riuscito in tempi brevi a produrre un DDL che peraltro aggiorna anche altre materie: dal servizio civile, al 5x1000”. "Sui punti di debolezza del provvedimento ci aspettiamo che il futuro percorso parlamentare ponga rimedio, magari riaprendo un confronto più sistematico con le organizzazioni sociali e con i loro organismi di rappresentanza”. Leggi la dichiarazione della presidente nazionale Arci Francesca Chiavacci


Schermata_2014-03-12_a_17.11.05.png

Basta guerre! Mai più vittime! Fermiamo la strage di Gaza! Tutti a Firenze il 21 settembre

say_palestina.jpgLa Rete Italiana per il Disarmo e la Rete della Pace promuovono il 21 settembre a Firenze una giornata di riflessione, conoscenza e mobilitazione per chiedere Pace, Libertà, Giustizia in Palestina e Israele, in Siria, Iraq, Libia, Afghanistan e Ucraina... Tutte e tutti a Firenze per costruire tutti insieme un percorso di pace e giustizia. Leggi l'appello.

Schermata_2014-03-12_a_17.11.05.png
Sgomento e preoccupazione per la chiusura de l'Unità. Venga fatto il necessario perchè torni in edicola

unit.jpgApprendiamo con sgomento e preoccupazione che da agosto l’Unità non sarà più in edicola. Dopo tre mesi di lotta, senza percepire stipendio, i lavoratori dell’Unità si trovano costretti a sospendere le pubblicazioni davanti all’impossibilità di trovare una soluzione giusta e condivisa nel corso dell’assemblea degli azionisti.

Siamo convinti che una soluzione per un salvataggio in extremis sia necessaria e che debba essere trovata con responsabilità partendo dai contenuti che in questi anni L’Unità ha saputo esprimere.

Leggi il comunicato della presidente nazionale Arci Francesca Chiavacci.

 

Schermata_2014-03-12_a_17.11.05.png

Estela De Carlotto ritrova il nipote rapito dai militari argentini 37 anni fa

Estrela-Carlotto-010.jpgL’Arci nazionale e l’Arci comitato di Torino si associano alla gioia per il ritrovamento di Guido, abbracciando Estela Carlotto, le Abuelas e le Madres de Plaza de Mayo Linea Funadadora, h.i.jo.s., Fqamiliares e tutti coloro che con la loro lotta quotidiana ci insegnano che un mondo migliore è possibile. Leggi la dichiarazione firmata da Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci, e da Ugo Zamburru, presidente Arci di Torino

Schermata_2014-03-12_a_17.11.05.png
Il Comune di Roma accolga la disponibilità e le proposte del Teatro Valle Bene Comune
teatro_valle.jpgSi sta finalmente discutendo seriamente e pubblicamente del futuro dell'esperienza di cittadinanza attiva del Teatro Valle Bene Comune. L'Arci auspica che venga accolta positivamente dal Comune di Roma la disponibilità del Teatro Valle Bene Comune di accettare la proposta del Teatro di Roma e di uscire dagli spazi del teatro, costruendo un percorso positivo per la definizione di un "Teatro Valle-Teatro Partecipato". Non vada perso il lavoro di cittadini, lavoratori dello spettacolo, organizzazioni sociali portato avanti nei tre anni di gestione.
Leggi il c
omunicato stampa dell'Arci.

Schermata_2014-03-12_a_17.11.05.png

Fermiamo l'austerità. L'Arci aderisce alla raccolta firme

stop-austerita-big.pngL'Arci aderisce alla raccolta firme dei quattro quesiti referendari Stop all'austerità per l'abrogazione parziale di alcuni articoli della legge attuativa del Fiscal Compact L. 243/2012. Per informazioni sui quattro quesiti referendari e per scaricare materiale utile ad organizzare iniziative di raccolta firme consultare il sito www.referendumstopausterita.it All'interno l'articolo pubblicato su Arcireport 
 Schermata_2014-03-12_a_17.11.05.png
Siamo tutti gazawi 
paragrafo_4.JPGManuela Ecate è una volontaria dell'Arci in servizio civile in Palestina. All'interno abbiamo raccolto la sua testimonianza. Pubblichiamo inoltre una dichiarazione di associazioni artistiche palestinesi, che chiedono di esercitare su Israele una pressione affinchè metta fine al blocco di Gaza. All'interno anche l'appello di 98 tra Premi Nobel, artisti e intellettuali di tutto il mondo che fanno un appello alle Nazioni Unite e ai Governi di tutto il mondo ad adottare misure immediate per un embargo militare totale e giuridicamente vincolante verso Israele. Articoli qui
 Schermata_2014-03-12_a_17.11.05.png
Uscire dal guscio-Paese per un'idea di giustizia universale

COOPERAZIONE-INTERNAZIONALE.jpgÈ evidente che di fronte alle discussioni sulle riforme importanti (Senato), i cambiamenti nel settore della cooperazione internazionale poco contano e non interessano i più. Il problema è di ordine culturale: non è chiaro e immediato il nesso tra la lotta alle povertà mondiali e i disastri della crisi nel contesto sociale del proprio Paese, manca una visione globale dell’essere cittadino di una comunità oltre i confini territoriali e di quanto ciò che nelle mie azioni quotidiane faccio abbia ripercussioni o sia collegato a quel che succede ad un mio omologo in un’altra parte, lontana o vicina, dell’emisfero. All'interno l'articolo di Silvia Stilli, direttrice Arcs

Schermata_2014-03-12_a_17.11.05.png

Il servizio civile sia aperto ai giovani di origine straniera

download.jpgQualche giorno fa, il Presidente del Consiglio Renzi, parlando in qualità di segretario del PD a senatori e deputati democratici, ha affermato che il servizio civile universale va previsto per i soli cittadini italiani poiché si tratta di un servizio reso alla patria. E’ un’affermazione che ci preoccupa, che non condividiamo e che tra l’altro contraddice l’ordinanza del tribunale di Milano che, nei mesi scorsi impose la riapertura dei bandi di servizio civile nazionale che in origine escludevano la partecipazione di giovani di origine straniera. In allegato il testo del comunicato stampa
 

Schermata_2014-03-12_a_17.11.05.pngFirmiamo l'ICE per un piano europeo straordinario per lo sviluppo sostenibile e l'occupazione 
newdealforeurope.jpg
Noi cittadini europei chiediamo alla Commissione europea di proporre un piano straordinario europeo per lo sviluppo sostenibile e l'occupazione che rilanci l'economia europea e crei nuovi posti di lavoro. All'interno informazioni, materiali e il testo 
dell’iniziativa dei cittadini europei  (ICE) presentata alla Commissione Europea  il 7 marzo 2014 dal Comitato europeo. Per firmare www.newdeal4europe.eu/it
Schermata_2014-03-12_a_17.11.05.png

Liberi di volare: la tessera Arci 2015
tessera_liberi_di_volare___vincitore.jpg

La chiusura del Congresso nazionale dell’Arci, lo scorso 14 giugno, è stata anche l’occasione per proclamare il vincitore del concorso per la grafica del tesseramento 2015. Sono stati oltre 40 i progetti recapitati per tempo, quasi tutti di ottima qualità e fattura, a testimonianza di come il sostrato creativo su cui insiste la nostra associazione sia particolarmente ricco. Leggi qui l'articolo di Federico Amico, responsabile Tesseramento Arci. Presto sul sito tutti gli elaborati pervenuti.
Schermata_2014-03-12_a_17.11.05.png

‘Da rifugiati a cittadini’. Contest sull’immagine del rifugiato nei media

logo_18_giguno_2014.jpgDa rifugiati a cittadini è un contest giornalistico rivolto ai giornalisti attivi nelle testate locali, sia cartacee che online, che premierà le storie che raccontano in maniera più efficace l’integrazione di rifugiati e richiedenti asilo sui territori, destrutturando così stereotipi e pregiudizi che spesso si associano al racconto su questi temi. Chi sono i rifugiati oggi, come vengono percepiti dall’opinione pubblica? Più informazioni all'interno

Schermata_2014-03-12_a_17.11.05.png

appuntamenti

image image image image image image image image image image image image
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss