#Liberarsi dalle paure: il XVII Congresso nazionale

Convenzioni

Convenzione per
Tipo di convenzione
Provincia
Ricerca libera
Numero di risultati:
Reset filter
Servizi
Ekoe società cooperativa
Consegna gratuita
info@ekoe.org
+39 0861 616608
Scopri di più

Ekoe società cooperativa: scopri piatti, bicchieri, posate e oltre 1000 articoli biodegradabili e compostabili per la casa e le aziende. Per i soci Arci consegna gratuita in tutta Italia con un ordine minimo di 50 euro tramite il sito shop.ekoe.org

 

Circoli
Ekoe società cooperativa
Sconto del 15% sui prodotti
info@ekoe.org
+39 0861 616608
Scopri di più

Ekoe società cooperativa commercializza prodotti costituiti da materiali biodegradabili o compostabili secondo i criteri individuati dalla normativa Europea UNI EN 13432. Contribuisce all’implementazione di strategie di tutela ambientale tramite la ricerca di soluzioni orientate al minimo impatto ecologico, dalla produzione al consumo, tramite l’utilizzo di materiali biodegradabili e compostabili e la diffusione del marchio “Plastic free”. Si impegna a fornire a tutti i comitati territoriali e circoli Arci condizioni economiche dedicate con uno sconto del 15% su tutti i prodotti presenti sul sito e-commerce  https://shop.ekoe.org/ attraverso il codice promozionale “Arciplasticfree” da inserire al momento dell’ordine.

Scopri piatti, bicchieri, posate e oltre 1000 articoli biodegradabili e compostabili.

 

Mostra
Gubbio al tempo di Giotto. Tesori d’arte nella terra di Oderisi
Ingresso ridotto
Palazzo dei Consoli, Museo Diocesano, Palazzo Ducale
Scopri di più

La mostra “Gubbio al tempo di Giotto. Tesori d’arte nella terra di Oderisi”, vuol restituire l’immagine di una città di rilievo politico e culturale nel panorama italiano a cavallo tra la fine del Duecento e i primi decenni del Trecento, esponendone il patrimonio figurativo sia civile che religioso. Per l’occasione ha restaurato dipinti nascosti dalla polvere dei secoli, riconsegnando a Gubbio opere disperse nel corso della storia, riunendo quadri degli stessi pittori eugubini destinati ad altre città dell’Umbria, chiamando importanti prestiti dall’estero. Dipinti su tavola, sculture, oreficerie e manoscritti miniati delineano, anche con nuove attribuzioni, le fisionomie di grandi artisti come Guido di Oderisi, alias Maestro delle Croci francescane, Il Maestro della Croce di Gubbio, il Maestro Espressionista di Santa Chiara ovvero Palmerino di Guido, “Guiduccio Palmerucci”, Mello da Gubbio e il Maestro di Figline. Il padre di Oderisi, Guido di Pietro da Gubbio, viene oggi identificato in uno dei protagonisti della cosiddetta “Maniera Greca”, da Giunta Pisano a Cimabue. Palmerino fu compagno di Giotto nel 1309 ad Assisi, e con lui dipinse le pareti di due cappelle di San Francesco, per poi tornare a Gubbio e affrescare la chiesa dei frati Minori e altri edifici della città.

A “Guiduccio Palmerucci”, oggi nome di convenzione, si attribuiscono ancora rapinosi polittici. Mello da Gubbio scrisse il proprio nome ai piedi di una Madonna dal volto pieno e giulivo come le Madonne di Ambrogio Lorenzetti nella città di Siena. Il Maestro di Figline, che dipinse le vetrate per il San Francesco ad Assisi, poi il grande Crocifisso nella chiesa di Santa Croce a Firenze, è probabile che avesse lasciato a Gubbio uno straordinario polittico nella chiesa di San Francesco, che possiamo di nuovo ammirare in questa mostra grazie agli odierni proprietari che ne hanno concesso per la prima volta il prestito. Dai documenti d’archivio e dall’aspetto delle Madonne e dei Crocifissi appesi alle pareti dei musei, risulta come fossero originari di Gubbio i pittori che si affiancarono a Giunta Pisano, poi lavorarono accanto a Giotto e infine a Pietro Lorenzetti, per rivestire d’immagini variopinte il capolavoro che aprì le porte dell’arte moderna nella chiesa eretta sopra la tomba del santo di Assisi. Tornati in patria, quei pittori, che erano stati coinvolti nella nuova lingua di Giotto e di Pietro Lorenzetti per un pubblico di papi e cardinali, si cimentarono con un piglio raffinato nello stile e popolare nell’aspetto illustrativo, per farsi intendere anche da un pubblico di fabbri e di maestri di pietra. Si parlò allora a Gubbio la lingua della lauda assieme alla lingua della Commedia.

Mostra
“Pixar. 30 anni di animazione”
Ingresso ridotto
Roma
RM
09 Ott 18
20 Gen 19

PIXAR
30 anni di animazione

9 ottobre 2018 – 20 gennaio 2019

Roma, Palazzo delle Esposizioni

La fama della Pixar, fondata in California nel 1986, è dovuta all’ abilità nel combinare arte e tecnologia e all’utilizzo innovativo dei digital media per creare storie originali e personaggi intramontabili.

Da Toy Story, il primo film completamente “animato” al computer, al più recente Coco, passando per Monsters & Co., Alla ricerca di Nemo, Cars e Inside Out, solo per citare alcuni titoli, i film della Pixar sono riusciti da sempre a coinvolgere e affascinare bambini e adulti.

Ma in pochi sanno che questi incredibili film sono il frutto del lavoro di una squadra di creativi e registi di fama mondiale che utilizza i tradizionali strumenti come il disegno, i colori a tempera, i pastelli e la scultura insieme a quelli dei digital media più all’avanguardia.

Con oltre 400 opere tra disegni, sculture, bozzetti, collage e storyboard, e una ricchissima selezione di materiali video, la mostra “Pixar. 30 anni di animazione” curata da Elyse Klaidman e da Maria Grazia Mattei per l’edizione italiana, è un vero e proprio viaggio negli Studios, e nell’universo creativo della Pixar che approda al Palazzo delle Esposizioni di Roma.

Il percorso espositivo, progettato da Fabio Fornasari, propone una chiave di lettura basata sui concetti di Personaggio, Storia e Mondo, tre elementi fondamentali per realizzare un grande film. Il tutto arricchito da due installazioni spettacolari, l’Artscape e lo Zoetrope, che con la tecnologia digitale fanno rivivere le opere esposte e ricreano l’emozione e la magia dell’animazione.

Festival
Santarcangelo Festival
Sconto 2 euro
Santarcangelo dei Teatri
Scopri di più

Per tutta la durata del Festival, tariffa ridotta per gli spettacoli (11 euro al posto di 13) per i soci Arci

Evento
Torino Estate Reale
Ingresso 5 euro
Piazzetta Reale
estatetickets@comune.torino.it
011 24777
Scopri di più
In occasione della  rassegna Torino Estate Reale ARCI Torino offre ai suoi associati una preziosa opportunità.
I possessori di tessera ARCI hanno diritto di acquistare i biglietti al prezzo scontato di 5 euro (anziché 12/10) per tre spettacoli scelti per il loro contenuto culturale dall’alto valore sociale, che ben si sposa con gli ideali della nostra associazione.
Mostra
La luce diversa Catania | Palmieri | Sanna
Ingresso ridotto
Mattatoio
Piazza Orazio Giustiniani, 4
Scopri di più

Il progetto espositivo nasce dalla riflessione, condivisa dai tre artisti romani, sull’elemento “luce” e sul rapporto che quest’ultimo intrattiene con la materia. La luce, in modo più o meno esplicito, gioca un ruolo vitale nel lavoro di questi artisti. Il trinomio LUCE-MATERIA-NATURA è quindi la chiave di lettura e il fondamento del progetto espositivo.

Scarica Materiale
Mostra
Costa d’Avorio: identità e vitalità dell’arte contemporanea
Ingresso ridotto
Mattatoio
Piazza Orazio Giustiniani 4
Scopri di più
La rassegna, a cura di Massimo Scaringella, è ideata dall’Ambasciata della Repubblica della Costa d'Avorio in Italia. In mostra un centinaio di opere di 13 artisti, tutti già noti sulla scena internazionale, che risaltano un inedito punto di vista legato alla rappresentazione e all’identità di una realtà vitale e dinamica.
Scarica Materiale
Mostra
L’altro sguardo. Fotografe italiane 1965-2018
Ingresso ridotto
Palazzo delle Esposizioni
Scopri di più

La mostra propone una selezione di oltre duecento fotografie e libri fotografici provenienti dalla Collezione Donata Pizzi, costituita con lo scopo di promuovere la conoscenza delle più originali interpreti nel panorama fotografico italiano dalla metà degli anni Sessanta a oggi. La collezione – unica nel suo genere in Italia – è composta da opere fotografiche realizzate da circa settanta autrici appartenenti a generazioni ed ambiti espressivi diversi

Scarica Materiale
Nei territori
Museo delle Tradizioni Popolari
Ingresso ridotto
Canepina
VT
01 Gen 18
31 Dic 18
Museo delle Tradizioni Popolari
Largo De Mattias, 7
0761 327677
Nei territori
Museo del Fiore
Ingresso ridotto
Acquapendente
VT
01 Gen 18
31 Dic 18
Museo del Fiore
località Casale Giardino Riserva Naturale Monte Rufeno Torre Alfina
800 411834 - 0763 733642
Scopri di più
Nei territori
Museo della Ceramica
Ingresso ridotto
Viterbo
VT
01 Gen 18
31 Dic 18
Museo della Ceramica
Via Cavour, 67
0761 346136-157
Scopri di più