Consiglio nazionale Arci del 27 ottobre: gli ordini del giorno

Primo anniversario del Trattato contro le armi nucleari

A Roma la consegna simbolica di 31.000 cartoline e 150 OdG di Enti Locali

La mobilitazione Italia, ripensaci promossa da Senzatomica e Rete Italiana per il Disarmo ha festeggiato a Roma il primo Anniversario dell’adozione (avvenuta a New York il 7 luglio 2017) del Trattato di proibizione delle armi nucleari (TPNW). Per rendere visibile il forte sostegno popolare all’idea di disarmo nucleare (il 72% di italiani è a favore del Trattato, il 65% per la rimozione delle testate statunitensi dal nostro territorio) gli attivisti della campagna hanno effettuato una ‘consegna simbolica’ delle cartoline di sostegno raccolte.

Davanti alla sede del Governo e alle due sedi del Parlamento si è sottolineato come oltre 31.000 cittadini abbiano sottoscritto ed indirizzato al Governo le cartoline con la richiesta di un cambio di rotta: il desiderio di un’Italia che diventi leader internazionale per il disarmo nucleare.

Nei giorni scorsi la campagna aveva inviato richiesta formale di incontro al Presidente del Consiglio e al Ministro degli Esteri, non ricevendo finora alcun riscontro.

Così commenta don Albino Bizzotto, Presidente di Beati i costruttori di pace, associazione che ha coordinato la distribuzione e la raccolta: «L’esperienza delle cartoline è stata per noi molto interessante.

Là dove qualcuno si è impegnato ci sono state disponibilità a partecipare, di singoli e di amministratori locali. C’è una posizione chiara della popolazione contro le armi nucleari. E le mozioni presentate nei Consigli Comunali sono state quasi tutte approvate all’unanimità». Sono infatti ormai almeno 150 gli Enti Locali che hanno approvato mozioni a sostegno del Trattato di proibizione delle armi nucleari, sia nella fase di negoziazione sia dopo il voto di un anno fa a New York. Tra le approvazioni più recenti vanno ricordate le città di Torino, Padova, Milano, Ivrea, Bergamo, Cagliari, Cervia, Alba, Faenza e Senigallia oltre al Consiglio Regionale del Piemonte e alla Provincia di Brescia nella quale oltre 40 Comuni hanno promosso iniziative congiunte per diffondere i contenuti di Italia, ripensaci.

Il Trattato TPNW è nato dal riconoscimento che le armi nucleari rappresentano un rischio umanitario inaccettabile.

Per tale ragione non solo le organizzazioni che si occupano di disarmo hanno partecipato alla mobilitazione internazionale per il Trattato, ma anche entità umanitarie come la Croce Rossa e Mezzaluna Rossa internazionale. «Questo è il motivo per cui non ci fermeremo finché il mondo non sarà privo di armi nucleari!» ha dichiarato Beatrice Fihn, coordinatrice della Campagna ICAN insignita del Premio Nobel 2017.

Ed è anche il motivo del grande successo della mobilitazione promossa da Italia, ripensaci, con un riscontro positivo in molti territori e un crescente sostegno alla richiesta di un’adesione italiana al Trattato.

Info: ufficiostampa@senzatomica.itsegreteria@disarmo.org