Home > Aree Tematiche > Archivio Mondo

Per una Siria di pace, di giustizia e di libertà. Solidarietà al popolo siriano!
images.jpgL'appello delle associazioni della Rete della Pace a favore della popolazione siriana, in cui si annuncia la realizzazione dell'incontro del 13 marzo con i parlamentari per la pace e l'adesione alla manifestazione indetta dai democratici siriani il 15 marzo a Roma. Il 15 marzo ricorre il terzo anniversario delle prime manifestazioni pacifiche contro Assad.
INFO: Testo Appello

‘Taglia le ali alle armi’: dite NO ai caccia F-35!

L’Italia riconosca lo Stato di Palestina

Per un'irriducibile volontà di pace

Archivio

Embargo militare verso Israele, appello di 98 premi nobel, artisti e intellettuali di tutto il mondo

Un appello per sostenere la libera scelta del popolo greco alle elezioni

Una piattaforma comune per connettere le reti Euromed e Mediterranee

Una piattaforma comune per connettere le reti Euromed e Mediterranee

Per una Siria di pace, di giustizia e di libertà. Solidarietà al popolo siriano!

Appelli e campagne

Medio Oriente, no ad una nuova escalation di violenze

Nuovo incontro tra Fronte Polisario e Marocco

1 novembre 2014: manifestazione globale contro l’Isis

Campi all'estero

La miccia ucraina e le frontiere dell'Europa

Negli anni ottanta «per una Europa unita dall’Atlantico agli Urali» era lo slogan più diffuso del movimento per la pace. Il muro di Berlino era ancora in piedi. In quella frase c’era prima di tutto la protesta. Non volevamo vivere in un continente che era metà sotto il tallone degli Usa, metà sotto quello dell’Unione Sovietica e armato fino ai denti. Ma c’era anche dell’altro: la consapevolezza di vivere in un continente senza confini geografici definiti ad est oltre che a sud - perchè un mare così piccolo nello stesso tempo divide e unisce. Leggi qui l'articolo di Raffaella Bolini della presidenza Arci

Le organizzazioni della società civile tunisina condannano fermamente l’attentato e propongono une strategia globale contro il terrorismo

La Lega dei Diritti Umani francese: togliere subito i domiciliari a Joel Doenjoud

Un confronto sull’attuazione dell’Azione di Pechino sulle questioni di genere

News

Non possono uccidere un’idea

La Brigata Kalimera

La mancanza di un progetto di futuro alimenta violenza e oscurantismo

Solidarietà internazionale

1 novembre 2014: manifestazione globale contro l’Isis

Mostra fotografica e incontro con il Movimento dei Sem Terra brasiliani

Mostra fotografica e incontro con il Movimento dei Sem Terra brasiliani

Elezioni europee, un appuntamento cruciale

Fra pochi mesi si terranno le elezioni per il Parlamento Europeo, un appuntamento cruciale a cui tutta l'Arci può dare un contributo favorendo dibattiti e iniziative. A queste elezioni si presenterà, nel campo della sinistra, una lista autonoma della società civile per Tsipras. Lista che deve riuscire a raccogliere 150mila firme certificate in poco tempo per essere ammessa alla competizione elettorale. Per questo invitiamo i nostri circoli ad ospitare iniziative di raccolta delle firme per consentire anche a questa nuova lista di partecipare alle elezioni. Leggi il testo della lettera inviata dalla presidenza dell’Arci a tutti i comitati territoriali e ai membri del consiglio nazionale dell’associazione.

Siria ricerca Unicef

Campi e laboratori

Pace e disarmo

L’Italia riconosca lo Stato di Palestina 2

Gli attacchi contro i civili perpetrati da Israele saranno esaminati dal Tribunale Russell sulla Palestina

Piena verità sulla morte di Giulio Regeni

Proviamo orrore e profonda indignazione per l'assassinio di Giulio Regeni. Aderiamo all'iniziativa promossa da Articolo 21 di listare a lutto i nostri siti e profili fb e twitter per chiedere alle autorità egiziane verità e giustizia per Giulio. All'interno l'ordine del giorno approvato dal Consiglio nazionale Arci riunitosi a Roma il 13 e 14 febbraio

Parla l’Asia. A che serve l’Europa? 2

Per un’Europa dei diritti in difesa della pace e della democrazia in Ucraina e nell’Est europeo

Non cederemo! Appello unitario di associazioni e sindacati francesi

Per un’altra Europa

#DiteloaRouhani. L'appello delle associazioni al Presidente Mattarella e al Primo Ministro Renzi

Il Presidente della Repubblica Islamica dell’Iran, Hassan Rouhani, ha scelto Roma come prima capitale europea da visitare, indicando nell’Italia la “porta d’ingresso” verso l’Occidente. Proprio per questo, riteniamo che spetti ai massimi rappresentanti dello Stato italiano il compito di porre la questione del rispetto dei Diritti Umani universalmente riconosciuti al centro di ogni incontro e intesa con rappresentanti iraniani.

Respingimento di migranti e rifugiati in Danimarca: non fate passare la legge L-87

La mancanza di un progetto di futuro alimenta violenza e oscurantismo

Terra è libertà

Europa

Per affermare e rafforzare l’associazionismo democratico nel Mediterraneo

No al nuovo Patto Transatlantico per commercio e investimento tra Stati Uniti ed Europa

L’Arci esprime solidarietà e sostegno alla lotta di liberazione del popolo curdo

Libertà per gli attivisti dei diritti umani in Egitto!

Ungheria sempre più a destra. Vince Orbàn e il partito neonazista Jobbik supera il 20%

Secondo l’ufficio elettorale ungherese la lista governativa Fidesz-KDNP avrebbe ottenuto il 44,36% dei voti, seguita dall’Alleanza Democratica a quota 25,89%. Terzo il partito di estrema destra Jobbik col 20,46% dei consensi, quarti i liberali ambientalisti dell’LMP col 5,24% e quindi fuori dal Parlamento. Leggi l'articolo all'interno.

Rapporti Nord-Sud, l’Onu cambia strategia

Campi di lavoro all'estero

Medio Oriente, no ad una nuova escalation di violenze

La Rete Euromed per il rafforzamento della società civile tunisina

Per garantire assistenza umanitaria, pace, giustizia e democrazia al popolo siriano

Venti anni dopo Pechino, le novità della Girl Declaration

Per la prima volta il Forum dei Popoli Asia-Europa avrà voce al Summit ASEM

Le libertà in pericolo in nome del terrorismo? No grazie!

È necessaria una radicale revisione del modello di difesa

Altre notizie...

Il popolo saharawi ancora in attesa di libertà

Il 25 maggio andiamo a votare, per cambiare l'Europa

L’Italia, paese di forte partecipazione alle urne, si colloca oggi nel quarto gruppo dei paesi con il più alto tasso di disaffezione al voto: - 6,67% in trenta anni. Significativa è la differenza tra la partecipazione alle elezioni politiche e alle elezioni europee. Il 25 maggio andiamo a votare!

Per la prima volta il Forum dei Popoli Asia-Europa avrà voce al Summit ASEM

Firmiamo l'ICE per un piano europeo straordinario per lo sviluppo sostenibile e l'occupazione

Noi cittadini europei chiediamo alla Commissione europea di proporre un piano straordinario europeo per lo sviluppo sostenibile e l'occupazione che rilanci l'economia europea e crei nuovi posti di lavoro. Info, raccolta firme e materiali all'interno

Azionisolidali: le notizie di Arcs - 27 marzo

Gli attacchi contro i civili perpetrati da Israele saranno esaminati dal Tribunale Russell sulla Palestina

Il report su torture e sparizioni forzate in Egitto

25 aprile 2014: Pace e Disarmo vanno in scena all’Arena di Verona

Amnesty: «Giro di vite in Iran e Iraq. 100 esecuzioni in più nel 2013»

Secondo il rapporto annuale di Amnesty International sulla pena di morte, Iran e Iraq hanno determinato un preoccupante aumento delle condanne a morte eseguite nel 2013, andando in direzione opposta alla tendenza mondiale verso l’abolizione della pena di morte. Allarmanti livelli di esecuzioni in un gruppo isolato di Paesi - soprattutto i due mediorientali - hanno detearminato un aumento di quasi 100 esecuzioni rispetto al 2012, corrispondente al 15%. Continua a leggere all'interno.

Una nuova stagione di cooperazione e integrazione

No alla chiusura del Centro El Nadim

Libertà per i media in Turchia

Il premier turco Erdogan governa la Turchia in un clima di inaccettabili minacce alla libertà di stampa e di espressione. Al centro di scandali finanziari gravissimi, ha tradito la democrazia imponendo la censura sui media. Ha oscurato i social network, irrigidito il controllo sulle televisioni e posto sotto tutela i principali quotidiani, che hanno licenziato giornalisti ‘scomodi’ anche in Italia. (...) Continua a leggere all'interno.

Il Mare Nostrum…in 3D. La prospettiva dell’Europa del Sud

Sahara Occidentale: referendum subito!

Marcia Perugia-Assisi, per un percorso condiviso

Basta mercanteggiare sulle vite umane!

La Palestina accederà alla Corte Penale Internazionale

Da oggi il tuo NO agli F-35 “dillo ai Parlamentari”

Piattaforma per Pace, Disarmo, Giustizia

La Rete della Pace presenta la Piattaforma per Pace, disarmo e giustizia in previsione della Perugia-Assisi. Documento all'interno

Barghouthi cittadino onorario di Palermo

La Campagna Free Marwan Barghouthi and all palestinian prisioners è stata lanciata dalla cella di Robben Island in Sud Africa, la stessa dove trascorse tanti anni della propria vita Mandela, condannato da un governo razzista per le sue lotte. CONTINUA A LEGGERE ALL'INTERNO L'ARTICOLO DI LUISA MORGANTINI, ASSOPACE PALESTINA.

‘Il deserto intorno’, il nuovo progetto fotografico di Giulio Di Meo

Non accettate la nomina di Tibor Navracsics a Commissario Educazione, Cultura, Giovani e Cittadinanza

La presidente dell’Arci, Francesca Chiavacci, scrive ai parlamentari europei per chiedere che non approvino la nomina dell’ungherese Tibor Navracsics a Commissario all’Educazione, Cultura, Giovani e Cittadinanza. All'interno anche la lettera aperta delle reti europee a Jean-Claude Junker con la stessa richiesta. In sintonia con le motivazioni espresse nella lettera aperta, Chiavacci afferma di non ritenere adatto a un simile incarico l’esponente del partito al potere in Ungheria che intimidisce le associazioni e colpisce la libertà di stampa. Clicca qui per leggere il testo completo

Siamo tutti gazawi

Appello per la solidarietà internazionale con le persone e le regioni marginalizzate in Tunisia

Con la Palestina nel cuore

Disponibile il dvd del film ‘Restiamo Umani - The Reading Movie’

Turchia, la Corte boccia la riforma della giustizia

La Corte Costituzionale turca ha parzialmente annullato la controversa legge di riforma del Consiglio superiore della magistratura promulgata dal governo del premier Erdogan. Gli articoli abrogati sono quelli che conferivano al ministro della Giustizia un potere decisionale molto ampio sul funzionamento e la composizione degli organismi del consiglio. CONTINUA A LEGGERE ALL'INTERNO.

Per il futuro serve più scuola, non i caccia F-35

Restiamo umani

Europa, i rischi della corsa al riarmo

Sarà l’Europa con il suo azzardo sull’Ucraina a pagare il prezzo della nuova ‘guerra fredda’ e gli italiani quello degli F35. L’acquisto di cacciabombardieri viola l’articolo 11 della Costituzione

Vittoria dell'associazionismo democratico europeo, bloccata la candidatura Navracsics!

La Commissione Cultura del Parlamento Europeo ha bloccato a maggioranza la candidatura di Tibor Navracsics a Commissario Europeo per la Cultura, l'Educazione, i Giovani e la Cittadinanza. E' una vittoria dell'associazionismo democratico europeo, dei parlamentari progressisti e della sinistra che hanno sostenuto il carattere inaccettabile e persino provocatorio della proposta. All'interno il comunicato stampa dell'Arci

AzioniSolidali - le notizie di Arcs

Le news di Arcs del 17 aprile 2014

La comunità internazionale di fronte alla necessità di una svolta decisiva delle sue politiche

Siria, una tragedia lunga tre anni

Parla l’Asia. A che serve l’Europa?

In una Milano da giorni blin­data a pro­te­zione dei due­mila dele­gati e di mille gior­na­li­sti si apre oggi 16 otto­bre il ver­tice della Asem, il sum­mit dei 53 paesi dei due con­ti­nenti che dal 1996 par­te­ci­pano al ver­tice euroa­sia­tico che si tiene ogni due anni: i 27 dell’Unione Euro­pea, i 25 di Asia, Austra­lia e Nuova Zelanda, più la Rus­sia che come sem­pre non si sa se col­lo­care in una regione o nell’altra. (Nell’occasione dovreb­bero essere accolte anche la Croa­zia e il Kasakstan).Tanta poli­zia per­chè dovreb­bero esserci tutti i lea­ders, com­presi Putin e il poten­tis­simo Xi Jinping.

La morte di Arafat, 10 anni fa

Un popolo che non si rassegna, ostinato nella speranza di avere libertà e giustizia

Algeria, Bouteflika al quarto mandato

Il candidato presidenziale e presidente uscente, Abdelaziz Bouteflika, che si presenta al seggio su una sedia a rotelle e si fa assistere in cabina è l’immagine più significativa dello stallo in cui si trova il regime algerino. CONTINUA A LEGGERE ALL'INTERNO L'ARTICOLO DELLA GIORNALISTA GIULIANA SGRENA

In una città tranquilla della Palestina

Massacro di Sabra e Chatila, per non dimenticare

Disponibile il dvd del film 'Restiamo Umani - The Reading Movie'

E’ disponibile il film della lettura integrale del libro “Gaza - Restiamo Umani” scritto da Vittorio Arrigoni (1975 - 2011), diario giornaliero dei 22 giorni di massacro avvenuto durante l’operazione militare ‘Piombo Fuso’, sferrata dal governo israeliano contro i civili della striscia di Gaza, tra la fine del 2008 e l’inizio del 2009, in cui morirono più di 1200 civili e oltre 400 bambini furono assassinati.

A marzo il Forum Sociale Mondiale torna in Tunisia

Rete Disarmo: dismissione delle caserme, facciamone laboratori di pace e cittadinanza

Dal 24 al 28 marzo 2015 il Forum Sociale Mondiale a Tunisi

Un primo positivo bilancio della campagna di sostegno ai centri di solidarietà sociale in Grecia

Il 19 settembre una delegazione dell'Arci, composta dalla presidente Francesca Chiavacci, da Greta Barbolini e da Raffaella Bolini, sarà ad Atene per consegnare a "Solidarity for All" i fondi raccolti (circa 30mila euro) nei primi 40 giorni della campagna a sostegno delle strutture di mutuo soccorso in Grecia. All'interno i dati del conto corrente su cui effettuare le donazioni, i materiali grafici e i link a dei video di sostegno alla Grecia

La lista UE dei “Paesi sicuri”: una negazione del diritto di asilo

Una bella prova di partecipazione e democrazia

Contro le servitù militari e per la riabilitazione dei militari condannati a morte durante la Prima Guerra Mondiale

Fin dalla sua fondazione, la lotta per la difesa della pace nel mondo è stata parte costituente della politica culturale dell’Arci. La situazione attuale è caratterizzata da un precipitare della situazione internazionale e squilli di guerra non solo risuonano in ambiti locali ma sempre più sembra avvicinarsi la possibilità di uno scontro globale fra le grandi potenze. La crisi economica globale ha come possibile sbocco anche una guerra mondiale. I proponenti di questo odg vogliono porre all’attenzione del congresso due azioni concrete in difesa della pace. Continua a leggere all'interno.

AzioniSolidali - le notizie di Arcs 3

Attacco ai locali dell’Ufficio Relazioni delle Donne Curde (REPAK) a Erbil

Più di cento generali israeliani chiedono negoziati regionali

AzioniSolidali - le notizie di Arcs 2

Mai più vittime! Il 16 luglio fiaccolate per la pace in tutta Italia

Di fronte all'ennesima esplosione della violenza e di morti in Palestina, Rete della Pace e Rete Italiana per il disarmo invitano ad organizzare il 16 luglio fiaccolate per la pace in Medio Oriente in ogni città italiana. L'Arci aderisce e sarà presente alle varie iniziative. All’interno il testo dell’Appello che invita alla mobilitazione

Libia: una soluzione è ancora possibile

Presentata la quinta edizione dell’Atlante delle guerre e dei conflitti nel mondo

L’Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo, la mappa aggiornata delle situazioni di crisi nel mondo, è giunta alla sua quinta edizione.

Si tutelino i diritti di Tomaso Bruno ed Elisabetta Boncompagni detenuti in India da più di 4 anni

All’Arena di Verona va in scena la Pace

Il 25 aprile il popolo della pace, della solidarietà, del volontariato, torna a riunirsi. È stato scelto il giorno della liberazione e della resistenza, per riviverne e rinnovarne i contenuti, questa volta per liberarsi dalle armi e resistere con la nonviolenza. Continua a leggere all'interno l'articolo di Mao Valpiana, presidente nazionale Movimento Nonviolento

Ballottaggi: alcune riflessioni dall'ultima tornata elettorale

Mail bombing entro il 26 novembre all'onorevole Pittella

Il presidente del gruppo socialista europeo on. Gianni Pittella si è dichiarato contrario alla costituzione dell’intergruppo europeo a sostegno del popolo sahrawi, una posizione inaccettabile che dovremo cercare di contrastare in ogni modo possibile. Per questo la Rete della Pace, di cui l’Arci fa parte, invita ad inviare una mail, entro il 26 novembre, per sollecitare l’On. Pittella e il gruppo socialista ad includere l’intergruppo sahrawi tra i 22 intergruppi sostenuti da S&D e per dimostrare all’On. Pittella il movimento di solidarietà italiano è ampio, forte e diffuso in tutto il Paese. Mail e info all'interno

Verso l’Arena di Pace e Disarmo: Giornata globale di azione contro le spese militari

Nella Giornata globale di azione contro le spese militari, le organizzazioni che si battono per il disarmo e che promuovono l’evento del 25 aprile all’Arena di Verona, sottolineano come gli armamenti siano distruttivi quando vengono utilizzati ma anche quando sono prodotti, venduti, comprati e accumulati, perché sottraggono enormi risorse al futuro dell’umanità, alla realizzazione dei diritti sociali e civili, garanzia di vera sicurezza per tutti. Per questo oggi la liberazione ha anche e soprattutto il volto del disarmo.(...) CONTINUA A LEGERE ALL'INTERNO.

Il cordoglio dell'Arci per le vittime di Nizza

Non una frustata di più. Libertà per Raif Badawi. A Roma, il terzo giovedì di fronte all'Ambasciata dell'Arabia Saudita

Il 29 gennaio gli attivisti di Amnesty International si presenteranno per il terzo giovedì consecutivo di fronte all’Ambasciata dell’Arabia Saudita a Roma (via G. B. Pergolesi, ore 11) per chiedere la scarcerazione di Raif Badawi, il blogger condannato a 10 anni di carcere e a 1000 frustate per aver “offeso l’Islam” attraverso i contenuti del suo forum online, “Liberali dell’Arabia Saudita”.

La tua firma x 3 buone cause Codice Fiscale 97054400581

Siamo contro ogni colpo di Stato: il comunicato delle associazioni turche per i diritti umani

Siria, una tragedia lunga tre anni

La tua firma x 3 buone cause Codice Fiscale 97054400581

Anche quest’anno il 25 aprile è RESIST

Anche quest’anno vi proponiamo di aderire al progetto Resist, contenitore di iniziative previste per la Festa della Liberazione. Il tentativo è quello di collocare le attività dell’associazione previste per valorizzare i contenuti e le istanze della lotta popolare per la liberazione dell’Italia dal nazi-fascismo in un progetto di educazione popolare che utilizzi soprattutto nuovi linguaggi artistici e produzioni culturali ad hoc. (...) CONTINUA A LEGGERE ALL'INTERNO

Dopo 15 anni, le ferite di Genova 2001 sono ancora aperte

Lettera Aperta al Primo Ministro Matteo Renzi

Terre des Hommes Italia, Oxfam Italia, ARCS, ARCI, COSPE, CRIC, Nexus, Educaid, GVC, Overseas, Vento di Terra, Peacegames, VIS, CISS nella lettera inviata alla Presidenza del Consiglio chiedono impegni concreti nella questione israelo-palestinese

Siria, sit in a Roma il 2 settembre per sostenere l'appello alla tregua

Ritorno a Srebrenica, a vent’anni dal massacro

Massacro di Sabra e Chatila, per non dimenticare

La Rete della Pace aderisce alla manifestazione globale Save Kobane

I volontari della rotta balcanica scrivono ai governi europei

Noi, i volontari di prima linea che da mesi siamo arrivati in aiuto alle migliaia di rifugiati, ci appelliamo a tutti i governi d'Europa perché agiscano immediatamente e in modo decisivo per migliorare la situazione. Ci sono decine di migliaia di persone lungo tutta l'Europa sud orientale, e la capacità attuale dei punti di aiuto organizzati dai volontari è seriamente messa in discussione.

L'Arci in Marcia per la pace

Il 9 ottobre la Marcia Perugia-Assisi, un appuntamento che si rinnova da oltre 50 anni sulla strada segnata da Aldo Capitini. All'interno l'appello per la PerugiAssisi 2016 e informazioni sulle attività e sulla mobilitazione Arci

Appello internazionale sull'invasione turca in territorio siriano e nel Rojava

F35: non si cambia verso con una riduzione dell’1%

Il commento di ‘Taglia le ali alle armi’ agli annunci del Governo. CONTINUA A LEGGERE ALL'INTERNO

Disponibile il dvd del film ‘Restiamo Umani - The Reading Movie’

Caso Regeni: l'ambasciatore italiano non deve tornare in Egitto

Cento fiaccole per la pace, contro tutte le barbarie

Il bando per quattro borse di studio della Fondazione Frammartino

La Fondazione Angelo Frammartino Onlus ha pubblicato la settima edizione del bando per l'assegnazione di 4 borse di studio finalizzate alla promozione tra i giovani della cultura di pace, legalità, diritti e convivenza tra i popoli.

Abbiamo fatto la pace

In occasione del decennale della scomparsa di Tom Benetollo (20 giugno 2004 - 20 giugno 2014), il 19 giugno presso la Camera dei Deputati si terrà un evento con la presentazione di un volume di raccolta dei suoi scritti sul pacifismo. Interviene Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati

Sindacati e movimenti per l’acqua alla Commissione Europea: ritiri il patrocinio a Watec Italy

Dichiarazione di associazioni artistiche palestinesi

L'Arci aderisce alla mobilitazione nazionale del 24 settembre a Roma a sostegno del popolo curdo

Dieci anni dopo Tom ma insieme a lui

Per la morte di Giulio Regeni Al Sisi trova un capro espiatorio

La comunità indipendente per i diritti umani in Egitto rischia l’eliminazione totale

Madiba e Gordimer, indimenticabili e mai vinti

Presentata in Cassazione la proposta per una Difesa civile non armata e nonviolenta

Facciamo in modo che sia la più grande Marcia di sempre, il mondo ha bisogno di pace

Mai più vittime! Per pace, libertà, giustizia in Palestina e Israele

Di fronte all'ennesima esplosione della violenza e di morti in Palestina, Rete della Pace e Rete Italiana per il disarmo (delle quali l’Arci fa parte) lanciano un appello per una mobilitazione, in ogni città del nostro paese, contro la guerra e per la pace in Medio Oriente per la giornata di mercoledì 16 luglio. Ogni morte ci diminuisce, ogni uomo, donna, bambino ucciso pesa sulle nostre coscienze. Vogliamo vedere i bambini vivere e crescere in pace non maciullati da schegge di piombo. All’interno il testo dell’Appello, a cui vi invitiamo ad aderire. Vi chiediamo inoltre di organizzare e comunicarci iniziative per far sentire forte le ragioni e la voce del movimento italiano per la Pace e per la nonviolenza.

La solidarietà dell'Arci alla società colombiana mobilitata per la pace

Un appello per salvare la società civile egiziana

Mai più vittime! Il 16 luglio fiaccolate per la pace in tutta Italia

Di fronte all'ennesima esplosione della violenza e di morti in Palestina, Rete della Pace e Rete Italiana per il disarmo invitano ad organizzare il 16 luglio fiaccolate per la pace in Medio Oriente in ogni città italiana. L'Arci aderisce e sarà presente alle varie iniziative. All’interno il testo dell’Appello che invita alla mobilitazione e un primo elenco di iniziative

Gettiamo le basi per gettare le basi

Fidel Castro ci ha lasciato

La società civile egiziana messa a tacere. L'Unione Europea deve rispettare i suoi impegni politici

Israele non può essere considerata al di sopra della legge

Ucciso l'ambasciatore russo in Turchia

Israele si ritiri immediatamente da Gaza. Tacciano le armi

Piattaforma per Pace, Disarmo, Giustizia

La Rete della Pace ha presentato la Piattaforma per Pace, disarmo e giustizia in previsione della Marcia della Pace Perugia-Assisi. Documento all'interno

Israele non può essere considerata al di sopra della legge

Congelati i beni di un'altra leader femminista in Egitto

La nostra Europa. Unita democratica solidale

Aiuti e solidarietà alla popolazione di Gaza

Israele si ritiri immediatamente da Gaza. Tacciano le armi

Ancora raid a Gaza: la pace a la giustizia non si costruiscono con le armi

É sempre più evidente che le armi produrranno come unico risultato l'allontanamento   della pace, della giustizia e della sicurezza.

Il numero dei civili uccisi a Gaza continua a crescere, ogni giorno contiamo il numero di bambini e bambine che perdono la vita . E i  cittadini di Israele sono sempre più insicuri.

Ancor una volta a soffrire é la popolazione civile di Gaza e di Israele, stretta tra due estremismi che non sembrano più conoscere un linguaggio diverso dalla violenza.

Uniti e solidali con la Grecia per cambiare l'Europa

Con la Palestina nel cuore: viaggio di conoscenza dal 5 al 12 febbraio 2015

Arci e Fiom Milano, insieme a Le Guglie viaggi Milano, organizzano il viaggio di conoscenza "Con la Palestina nel cuore" in programma dal 5 al 12 febbraio 2015. Per conoscere il territorio, la sua storia, il conflitto; ma anche le risorse indomabili della popolazione di una "Terra troppo promessa".

L'Arci per un'Europa unita e solidale

Basta guerre! Mai più vittime! Fermiamo la strage di Gaza! Il 21 settembre a Firenze per chiedere Pace, Libertà, Giustizia in Palestina e Israele, in Siria, Iraq, Libia, Afghanistan e Ucraina...

Il progetto "Il deserto intorno"

Arci ed Arcs sostengono "Il deserto intorno. L’esilio dimenticato del popolo Saharawi", il nuovo progetto fotografico di Giulio Di Meo. Info all'interno

Facciamo insieme un passo di pace! Manifestazione a Firenze il 21 settembre

Restiamo umani, facciamo sentire la nostra voce, mobilitiamo la società civile in Europa e Medio Oriente contro le guerre, contro le stragi di civili e contro i mercanti di armi: il 21 settembre saremo a Firenze per la grande manifestazione per la pace promossa da Rete della Pace, Rete italiana Disarmo, Sbilanciamoci, Tavolo Interventi civili di pace. All'interno l'appello, le adesioni e le proposte che saranno diffuse nel corso della manifestazione

Un NO (Hayir) per dire sì alla democrazia partecipativa

Non cediamo il passo al terrore: dal 24 al 28 marzo a Tunisi il Forum Sociale Mondiale 2015

Con la grande marcia dei popoli contro il terrorismo terminata davanti al museo del Bardo, è iniziato il 24 marzo il Forum Sociale Mondiale 2015, a cui l'Arci partecipa con una sua delegazione. All'interno articoli e testimonianze dal Forum e le iniziative in cui l'Arci è coinvolta

Basta con questo gioco alla guerra

Un appello per chiedere a gran voce che si fermi la pericolosa escalation verso la guerra. Lo sottoscrivono insieme i presidenti nazionali di Arci, Acli, Anpi, Cgil, Cisl, Uil. All'interno il testo dell'appello e l'elenco aggiornato delle adesioni.

America latina tra utopia e realtà

Creare uno spazio di confronto tra le diverse realtà che hanno attività e relazioni di cooperazione e solidarietà con l'America Latina così da condividere le diverse esperienze alla luce di questa particolare fase che il continente latinoamericano sta vivendo

Impedire un'ulteriore strage a Kobane. Disarmare l’Isis. Salvare le vite della popolazione assediata

A fianco delle organizzazioni di società civile ungherese

L’Italia riconosca lo Stato di Palestina

La Rete della Pace ha inviato una lettera ai Parlamentari Italiani per chiedere di firmare e sostenere la risoluzione del gruppo Interparlamentari per la Pace per il riconoscimento dello Stato di Palestina da parte dell'Italia. La mozione proposta, politicamente trasversale, chiede semplicemente di riconoscere ciò che l'Unione Europea sostiene fin dal 1980 con la Dichiarazione di Venezia e ciò che l'Italia ha votato all'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2012.

Noi riconosciamo lo Stato di Palestina!

E' con profonda determinazione e convinzione di essere nel giusto, e di agire per la giustizia e per la pace che il Consiglio nazionale dell’Arci dichiara simbolicamente e solennemente di riconoscere lo Stato di Palestina, e chiede che anche il Governo ed il Parlamento italiano riconoscano lo Stato di Palestina così come hanno già fatto 134 paesi nel mondo, ed in Europa, da ultima la Svezia.

Un'altra Difesa è possibile, ultimo mese di raccolta firme

Si conclude a maggio la Campagna "Un'altra Difesa è possibile", promossa da sei reti nazionali che raggruppano oltre 200 associazioni della società civile italiana, che chiede una difesa non armata e nonviolenta. Info all'interno

La società civile italiana riconosce lo stato di Palestina. Ora tocca al nostro Parlamento ed al Governo.

Mobilitazione per la fine delle violenze, per la pace, la giustizia, la democrazia in Siria

Di fronte ad una delle più gravi crisi umanitarie e ad una ondata di violenza senza precedenti, che ha già prodotto decine di migliaia di vittime e milioni di rifugiati, la comunità internazionale, le istituzioni e la società civile non possono rimanere in silenzio o indifferenti.

Una tregua immediata al campo profughi di Yarmouk che permetta l’attivazione di corridoi umanitari per salvare i bambini, i feriti e la popolazione civile

L’Arci segue con sgomento l’insopportabile aggravarsi della situazione umanitaria nel grande campo profughi di Yarmouk, alla periferia sud di Damasco, nuovo episodio di una guerra che dura da quattro anni e di cui è vittima la popolazione civile, milioni di persone assediate e coinvolte nei combattimenti in Siria e milioni di profughi in cerca di scampo.

Escalation della violenza in Turchia: ancora un duro colpo ai diritti umani

Il 20 luglio un attentato attribuito all'ISIS ha ucciso 32 persone e ferito 100 giovani nella città si Suruc, una città alla frontiera con Kobane. Due agenti di polizia sono stati poi uccisi da aderenti al Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) la notte del 22 luglio mentre dormivano nel loro domicilio. In questo quadro, la Rete EuroMed esprime la sua più viva preoccupazione per gli arresti massicci e le violazioni dei diritti umani in Turchia.

A Caulonia Marina (RC) l'iniziativa "Pace è donna" con la Fondazione Frammartino

"Pace è Donna" è il tema cui è dedicata quest'anno la giornata che la Fondazione Angelo Frammartino organizza, in collaborazione con Arci, domenica 9 agosto alle ore 19.30 a Caulonia Marina (RC) presso lo spazio verde della villa “Angelo Frammartino”.

Basta stragi! Al fianco del popolo curdo contro il terrorismo di stato, pace subito!

A poco meno di un mese dalla elezioni politiche in Turchia che si svolgeranno il 1° Novembre, ieri mattina un attentato ha colpito la manifestazione per la pace organizzata ad Ankara da KESK, DISK, TMMOB, TTB e diverse sindecati , associazioni, organziazioni e HDP ha artecipato. Una delle due esplosioni si è verificata durante il passaggio dell'HDP (Partito democratico dei popoli) e l'altra durante il passaggio dei manifestanti di Partizan-Kaldıraç.

#SaharaLibre, campagna di sensibilizzazione per la solidarietà politica al popolo Sahrawi

Obiettivo della campagna: riavviare il processo che porti al referendum di autodeterminazione del popolo Sahrawi facendo una richiesta esplicita al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. FIRMA ANCHE TU con un semplice click! Scopri all'interno come fare.

E se vuoi saperne di più sulla lotta del popolo Sahrawi all'interno puoi anche scaricare la pubblicazione a cura dell'Arci 'SAHARA LIBRE - La questione Sahrawi dalle radici ai giorni nostri'.

Verso la PerugiAssisi

Domenica 9 ottobre si terrà la Marcia PerugiAssisi della pace e della fraternità. Tante le iniziative di avvicinamento alla Marcia
image image image image image image image image image image image
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss